sabato 31 ottobre 2015

Recensione - Un terremoto a Borgo Propizio di

Ciao lettori,
oggi voglio parlarvi di un romanzo molto particolare, "Un terremoto a Borgo Propizio" di Loredana Limone.
Voglio prima di tutto ringraziare la Salani Editore per questo splendido romanzo, e fare i complimenti all'autrice che ha scritto un gran bel romanzo.
Borgo Propizio è per l'appunto un piccolo borgo fatto di abitanti alquanto bizzarri, che vivono la loro tranquilla quotidianità felici e sereni, abitanti che sanno tutto di tutti, dove i pettegolezzi non mancano di certo. Un borgo felice fino a quando una scossa di terremoto distrugge (quasi) tutto, mettendo tutto sotto sopra, scombussolando la vita di ogni cittadino. Mi sono innamorata di Borgo Propizio e durante la lettura ho tanto desiderato vivere li, un luogo autentico, semplice, tranquillo, lontano da caos, un luogo dove potersi rifugiare e stare sereni.
Devo esser sincera inizialmente non ero molto convinta sulla lettura del libro, ma c'era qualcosa che mi attirava, qualcosa che mi diceva che non me ne sarei pentita, e infatti questo libro mi è piaciuto molto, è un romanzo molto particolare, diverso da tutti gli altri, un romanzo che mette insieme la vita di tutti i giorni dei personaggi, una vita semplice, una vita normale fatta di amori, tradimenti, amicizie, con il mistero, un libro che ti porta a vivere la quotidianità lì nel borgo, vivendo tutti gli avvenimenti in prima persona.
Ho trovato "Un terremoto a Borgo Propizio" molto scorrevole da leggere, inizialmente ho provato confusione con i personaggi perchè  sono tanti come sono tante le vicende che li riguardano, ma andando avanti con la lettura ho superato questa confusione e, anzi mi sono affezionata ad ogni singolo personaggio, ho adorato il sindaco di Borgo Propizio, Felice Rondinella, una persona davvero eccezionale, ed ho adorato anche la coppia Belinda e Francesco, mi sono risultate antipatiche invece, le due sorelle Mariolina e Marietta.
Sono stata colpita molto dal primo capitolo, molto particolare, molto bello, e il modo in cui è scritto da l'impressione di trovarsi in una favola, una favola moderna che consiglio di leggere.


TRAMA

A Borgo Propizio va in scena la vita che, si sa, è fatta di cose belle e di cose brutte. Cose belle, il borgo ne ha tante da sfoggiare da quando è risorto a nuova vita, con il Castelluccio restaurato e le imbellettate case del contado, ora affacciate sull'elegante pavé a coda di pavone della piazza del Municipio, e con l'elettrizzante fermento culturale che si respira già fuori della cinta muraria e che sicuramente fa rodere il fegato a fior di città d'arte. Ma un giorno qualcosa di molto brutto, un violento sisma, arriva inclemente a distruggere ampia parte del centro storico, gettando nella disperazione i propiziesi che tanto amano il loro paese. La villa del Comune sembra una scatola con il coperchio sfondato; il pavé è sprofondato quasi agli inferi; i lampioni, ora ciechi e senza luce, con le bocce frantumate, appaiono piegati alla catastrofe; le botteghe e le abitazioni sono squarciate, orribilmente. Felice Rondinella, appassionato sindaco, vive l'immane disastro come un fallimento personale, e Padre Tobia si sente troppo stanco per portare il peso della croce. Perché non si tratta solo del terremoto: al borgo i peccati sono diventati incontenibili e le confessioni scandalo allo stato puro. Non si capisce più nulla, tutto è sottosopra. L'unico fatto certo è che il professor Tranquillo Conforti, trovato a terra nella Viottola Scura, non ha avuto un infarto mentre scappava, spaventato dalle scosse, ma è stato ucciso. Un assassino a Borgo Propizio? La faccenda si complica...

L' AUTRICE

Loredana Limone, napoletana di nascita e milanese per matrimonio, dopo una decina di libri che spaziano tra fiabe e gastronomia, ha esordito nella narrativa con BORGO PROPIZIO (Guanda 2012/Tea 2013), creando un luogo dell’anima molto amato dai lettori. Primo di una trilogia, è stato premiato al Premio Fellini 2012 e tradotto in Spagna, Germania, Bulgaria. Vi hanno fatto seguito E LE STELLE NON STANNO A GUARDARE (Salani 2014/Tea 2015) e UN TERREMOTO A BORGO PROPIZIO (Salani 2015).


Loredana, inoltre, ha ideato e conduce un laboratorio di scrittura creativa gastronomica di cui ha curato, partecipandovi, due raccolte di racconti: SAPORI LETTERARI (Terra Ferma 2008) e 13 DONNE A TAVOLA (Fefè 2015).




venerdì 30 ottobre 2015

I love Chanel

Ciao a tutti, 
qualche settimana fa, in una profumeria nella mia città, ho partecipato ad un evento Make-up Chanel, con il grande make up artist Francesco Riva, disponibile a truccare le clienti della profumeria.


Da amante del make up non potevo mancare e come sono solita non potevo non acquistare qualcosina :P

Ecco i miei acquisti della nuova collezione Chanel <3


1. Palette con 4 colori sul verde muschio e bronzo (Le 4 ombres-254 tissé d'automne). Questa palette è magnifica i colori sono fantastici e si stendono alla perfezione. Da usare sfumandoli tutti e 4 oppure anche una sfumatura a due colori può andare. 

2. Matita occhi marrone (Le crayon yeux-02 brun teak). Questa matita è fantastica io la uso per fare la sfumatura a V all'estremità dell'occhio ed applicare poi l'ombretto bronzo che troverete all'interno della palette, ma qualsiasi altro ombretto buò andar bene. Bhe potete usarla come più vi piace.

3. Blush (Joues Contraste-170 rose glacier) io l'ho preso sulla tonalità del rosa...il mio preferito.





Domino di ottobre-Recensione Una famiglia quasi perfetta


Per questo Domino letterario di ottobre ho scelto “L’amore è uno sbaglio straordinario” di Daniela Volontè.Con Il domino letterario ogni bookblogger deve recensire un libro che si collega a quello recensito dal bookblogger precedente.

Di seguito l'elenco dei blog partecipanti:
le recensioni della libraia
devilishlystylish
lettere di inchiostro
questione di libri
ladra di libri
leggendo romance
parliamo di libri
parole al vento
come non sentirsi soli
il nostro angolo dei sogni
l' acquerello di un attimo


Ho deciso di recensire "Una famiglia quasi perfetta" di Jane Shemilt collegandomi al libro scelto da Maria "Credimi stò mentendo" di Mary Elizabeth Summer. Ho fatto questa scelta perchè entrambi i libri sono thriller e sono della Newton.


RECENSIONE

"Una famiglia quasi perfetta" è il primo thriller che ho letto, mi è stato consigliato da Sara, blogger di "Parliamo di libri", ero un po scettica nell'intraprendere la lettura di un genere diverso ma devo dire che mi sono appassionata al thriller.
"Una famiglia quasi perfetta" è un libro stupendo che tiene il lettore incollato alle pagine dall'inizio alla fine, per non parlare dei colpi di scena. Parla della scomparsa improvvisa di Naomi, e del dolore che prova la sua famiglia per l'accaduto. Jenny, la madre è una donna piena di coraggio e non si arrende nelle ricerche della figlia, una madre addolorata che non riesce a superare il dolore della perdita. Tra i vari personaggi ho amato Jenny, una donna forte che lotta per chi ama, ma ho odiato Naomi, una ragazzina viziata dagli atteggiamenti di super donna, diciamo che durante la lettura del libro ho pensato "beh Naomi se l'è meritato". "Una famiglia quasi perfetta" è un libro scorrevole, non è pesante e ho apprezzato la divisione dei capitoli in due periodi temporali diversi, infatti la storia è raccontata sia nel periodo della scomparsa e sia dopo la scomparsa.
Un romanzo che consiglio di leggere. 

TRAMA
Jenny è un medico, sposata con un famoso neurochirurgo e madre di tre adolescenti. Ma quando la figlia quindicenne, Naomi, non fa ritorno a casa dopo scuola, la vita perfetta che Jenny credeva di essersi costruita va in pezzi. Le autorità lanciano l'allarme e parte una campagna nazionale per cercare la ragazza, ma senza successo: Naomi è scomparsa nel nulla e la famiglia è distrutta. I mesi passano e le ipotesi peggiori, rapimento, omicidio, diventano sempre più plausibili, ma in mancanza di indizi significativi l'attenzione sul caso si affievolisce. Jenny però non si arrende. A un anno dalla sparizione della figlia, sta ancora cercando la verità, anche se ogni rivelazione, ogni tassello sembra allontanarla dalle certezze che aveva. Presto capisce che le persone di cui si fidava nascondono terribili segreti, Naomi per prima. Seguendo le flebili tracce che la ragazza ha lasciato dietro di sé, Jenny si accorgerà che sua figlia è molto diversa dalla ragazza che pensava di aver cresciuto...

giovedì 29 ottobre 2015

Segnalazione - Contest "Comfort Food" di Jamie Oliver

DAL 29 OTTOBRE, PER LA CASA EDITRICE TEA,  IN LIBRERIA CON "COMFORT FOOD" DI JAMIE OLIVER, LO CHEF PIU' CONOSCIUTO E LETTO AL MONDO.



Pagine: 408 -  Prezzo: 34,00 €
In libreria: 29 ottobre 2015


Ricette uniche e speciali, per prendersi cura di se stessi e dei propri cari

 Il concetto di comfort food è molto ampio e soggettivo, eppure ciascuno lo può fare proprio. Chi di noi, infatti, non ha un piatto particolarmente amato, che cerchiamo quando siamo un po’ giù o che desideriamo come una coccola o un piacere proibito?
Che sia un piatto dell’infanzia, una ricetta di famiglia, il ricordo di un viaggio o di un’emozione, ci scalda il cuore e ci fa sentire protetti e felici.
 Questo libro presenta 100 ricette uniche e speciali: non solo alcuni dei piatti più amati di Jamie, ma anche alcune imperdibili novità ispirate dalle cucine nazionali di tutto il mondo.
 Con suggerimenti per ogni occasione: dal fine settimana alle vacanze, dalle feste alle ricorrenze speciali.
 Le 100 ricette di questo libro sono suddivise in cinque sezioni: Nostalgia, I piatti del buonumore, Tiriamoci su, Riti in cucina, Peccati di gola, Dolci tentazioni.

 Jamie Oliver è uno dei personaggi televisivi più amati del mondo e uno degli inglesi più famosi a livello internazionale. Un successo che deriva innanzitutto dalle serie televisive trasmesse in Inghilterra da BBC e Channel 4: Il cuoco nudo, In cucina con Jamie, Jamie Ministry of Food, Menu in 15 minuti, I miei menu da 30 minuti, In giro per l’Italia, Ricette a cinque euro e molte altre ancora.
I suoi programmi sono stati trasmessi in oltre 200 Paesi, compresi Stati Uniti, Sud Africa, Australia, Giappone, Islanda e Italia, dove vanno in onda su laeffe.

«Questo bel librone contiene, ve lo garantisco, le mie ricette più gustose e di maggiore soddisfazione legate al fantastico mondo del comfort food. L'ho scritto per celebrare il piacere del cibo e la gioia di preparare piatti superbuoni per dimostrare il proprio amore, per risvegliare un ricordo o riaccendere un'emozione, per concedersi una trasgressione ogni tanto, per riunire un gruppo di amici e portare in tavola un po' di felicità. Sono piatti famosi, classici delle cucine del mondo, carichi di buon umore e di sorrisi, compresi quei dolci pazzeschi e vergognosamente buoni… Spero con tutto il cuore che troverà un posto anche a casa vostra. – Love, Jamie»


SIETE PRONTI PER IL CONTEST  #ComfortFoodITA ?


 In occasione dell’uscita di Comfort food, il nuovo libro di Jamie Oliver - uno degli chef più conosciuti, apprezzati e letti al mondo -, TEA e Jamie Magazine lanciano il contest #ComfortFoodITA.

 L’intento è condividere e diffondere il concetto che ispira il libro: quello della felicità in tavola.
 Come spiega Jamie Oliver nell’introduzione:
 «Quando mangiate ciò che vi scalda il cuore vi sentite protetti, soddisfatti, emozionati, amati e… perché no inebriati! È lo stesso effetto che vi fa un lungo abbraccio affettuoso, o un attacco di solletico che vi lascia senza fiato. Questi piatti evocano le stagioni, i ricordi d’infanzia, ciò che mangiavate a scuola, le gite con i nonni, il vostro primo cibo take-away, il primo appuntamento.»

Con il contest #ComfortFoodITA, TEA e Jamie Magazine invitano tutti a cucinare e fotografare il proprio piatto della felicità e a postarlo su Instagram con l’hashtag #ComfortFoodITA entro la mezzanotte del 3 novembre 2015.

Le 5 foto più belle saranno pubblicate su ilLibraio.it e sul numero di dicembre di Jamie Magazine, edizione italiana della rivista ufficiale di Jamie Oliver.

La rete si è già mobilitata, grazie ai foodblogger sensibili al tema della cucina come viaggio emozionale.
Questi foodblogger stanno già fotografando, postando, twittando e condividendo la loro ricetta della felicità.

Che si tratti di un piatto della nostalgia o del buonumore, di un piacere proibito o di una coccola, condividiamo subito il nostro piatto della felicità!

BUON DIVERTIMENTO E MI RACCOMANDO PARTECIPATE!



Book Tag Dolcetto o Scherzetto???



Ciao lettori, Halloween si avvicina e per festeggiarlo insieme ho ideato questo simpatico Book Tag avente ad oggetto tutti i simboli di questa festività tanto attesa.
Siete pronti con il Book Tag?
Viaaaaaaaaaaaaaa!!!



-LA ZUCCA-
Un libro dalla copertina arancione che avete nella vostra libreria.

I peccati della Geisha di Kyoto di Eric le Nabour. Amo la cultura orientale e il mondo delle Geishe è un mondo pieno di fascino e mistero.

-IL FANTASMINO-
Il libro più spaventoso che avete letto.

L'esorcista, in realtà non l'ho ancora letto,mi attende nella mia libreria, ma credo che sarà molto spaventoso, già la copertina è inquietante.

-IL PIPISTRELLO-
Il primo thriller-horror che avete letto.

Una famiglia quasi perfetta di Jane Shemilt. Questo thriller mi è piaciuto molto e cattura l'attenzione del lettore. E' da poco che ho iniziato con i thriller e devo dire che come genere mi ha conquistato.


-LA CASA STREGATA-
Il libro più misterioso.

Alice from Wonderland di Alessia Coppola. E' un fantasy ma io l'ho trovato molto misterioso, una storia che man mano solo verso la fine ti svela dubbi e tutti i misteri.

-LA STREGA- 
Un libro la cui copertina ti ha stregato.

L'invito di Ruth Ware. 

-IL CIMITERO-
Un libro dalla copertina nera presente nella vostra libreria.

Ne ho tanti ma io scelgo la serie Fallen di Lauren Kate. Una serie che ho amato tanto.

-IL LUPO MANNARO-
Un libro che consigli di leggere ad Halloween.

Falene di Alessia Fiorentino, un dark-fantasy che mi è piaciuto tanto con molti personaggi bizzarri e inquietanti.

Ora tocca a voi con questo book tag di Halloween :)


Recensione - A time for love di Chiara Mineo



Titolo: A Time for Love. Un tempo per amare
Autrice: Chiara mineo
Genere: storico/ sentimentale
Pagine: 374
Prezzo: ebook 2.00€/cartaceo 10.40€
Trama:
24 Giugno 1929.
Elena, una bambina dolce e spensierata, è finalmente giunta al suo decimo compleanno e non vede l’ora di festeggiarlo, ma quel giorno la sua vita è destinata a cambiare per sempre. Nei pressi del Colosseo, dove tutto sembra immortale, Elena viene rapita da due misteriosi uomini, dallo strano accento. Quella mattina Elena compiva dieci anni, ma quella stessa mattina perdeva tutto: l’amico Marco, la famiglia… la sua vita. Elena, improvvisamente, non è più una bambina, ma una detenuta del campo tedesco. Impara a lottare, ad obbedire, a sopravvivere. Dove Elena ha perso la sua identità passando a Helen Krämer, dove tutti perdono la loro umanità, lei non può far altro che sperare. Dove regna la miseria e la violenza Helen trova l’unico filo di ragnatela in grado di garantirle la libertà. Può decidere di rimanere nel campo e di morire o di diventare assistente medico per l’esercito tedesco. È il 2 Novembre 1939, la festa dei morti, quando Helen si ritrova in mezzo la guerra. Nella città di Danzica, dove tutto ha inizio e fine, Helen incontra Ethan, giovane capitano dell’esercito tedesco. Helen non sa dove ha già visto occhi tanto verdi, del colore della giada, poiché il campo le ha strappato persino i ricordi. Ogni volta che Ethan le mostra un briciolo di umanità e di sentimento, lei è costretta a fare un passo indietro. Un fardello troppo grande pesa sul suo cuore, un segreto da nascondere al bellissimo capitano: un codice di detenzione tatuato sopra il seno sinistro. Mentre una feroce guerra investe tutto il mondo, la dolce Helen e il coraggioso Ethan non possono far altro che sperare, imparare a riconoscersi… imparare ad amarsi.
images
Spesso gli autori emergenti vengono sottovalutati e presi poco in considerazione, io credo che dovrebbero ricevere maggiori attenzioni, i loro libri possono trasmettere forti emozioni. Ho letto alcuni libri di autori emergenti e devo ammettere che mi hanno davvero emozionata arrivandomi al cuore, tra questi “A time for love-un tempo per amare” della giovane autrice Chiara Mineo, che ringrazio per il suo splendido romanzo.
Chiara Mineo è un’autrice emergente e il suo romanzo mi è entrato nel cuore, un romanzo che merita di essere letto, un romanzo che emoziona.
“A time for love” è un romanzo storico/sentimentate ambientato durante il periodo Nazista, parla della storia d’amore tra Helen, una detenuta in un campo di prigionia, ed Ethan, un capitano tedesco. Helen in realtà è il nuovo nome che viene dato ad Elena, una bambina italiana di dieci anni rapita da soldati tedeschi e portata in un campo di prigionia, dove vive una vita fatta di dolore e violenze, fino a quando, all’età di diciassette anni, viene trasferita in Danzica, come infermiera in una caserma, ed è qui che si innamora del capitano Ethan. Tra loro nasce un amore che va contro ogni cosa, contro ogni brutalità di quel periodo fatto solo di guerra e distruzione; il loro amore è una boccata d’ossigeno su uno sfondo di devastazione.
Ho amato questo romanzo, mi è arrivato al cuore, durante la sua lettura mi sono emozionata vivendo l’amore tra i due protagonisti, un amore talmente forte e passionale che riesce a prevalere sulla violenza che in quel periodo faceva da protagonista, non nego che mi sono anche commossa. Una lettura scorrevole e faccio i complimenti all’autrice perchè è riuscita a mettere insieme in maniera perfetta gli eventi storici di quel periodo con la storia d’amore, creando un romanzo fantastico.
Un romanzo che vi consiglio di leggere in quanto a parer mio merita tanto e spero con tutto il cuore che avrà successo perchè trasmette tante emozioni.
BUONA LETTURA!

Recensione - La mia musica sei tu

Titolo: La mia musica sei tu
Casa editrice: Amazon, Selfpublishing
Genere: Contemporary Romance / New Adult
Pagine: 384
Formato: disponibile solo in ebook
Data di uscita: 21 Settembre


È difficile essere all’altezza di un padre che è un’istituzione. Lo è per Isabella, cresciuta in una famiglia dove dimostrarsi inappuntabile non è una scelta, ma un dovere. Essere quello che gli altri si aspettano però non è sinonimo di felicità. Il tradimento del suo fidanzato storico le fa capire che è arrivato il momento di dare una svolta alla sua vita, trasferirsi a Bologna e cambiare sede di studi sono i primi passi in questa direzione. In una notte che cambia tutto, Isabella conosce Denis, estroverso, vitale, l’antitesi del suo mondo. E in quella notte con lui, infrange tutte le regole. Tatuato e batterista in una punk rock band , i Bad Attitude, Denis non è il genere di ragazzo che possa portare a casa. Ma quando lui è l’unica persona che ti fa stare bene, ti fa sentire giusta, cosa sono le convenzioni? Quando i problemi con la band e una famiglia invadente si fanno seri, l’amore e la passione per la musica basteranno ad aiutarli a realizzare i loro sogni?

“La mia musica sei tu” è un romanzo fantastico della giovane autrice Alessandra Angelini, una storia d’amore davvero avvincente che emoziona il lettore e grazie ad alcuni personaggi anche ironica. “La mia musica sei tu” è la storia d’amore tra Isabella, una ragazza che studia medicina appartenente ad una nota famiglia di Roma, e Denis, batterista di una rock band. Isabella e Denis si incontrano ad un concerto e tra loro sarà amore a prima vista, ma Denis non è il tipo di ragazzo che può piacere al padre di Isabella e così iniziano a nascere dei problemi. Ho odiato il padre di Isabella, è una persona davvero crudele, un padre che da importanza solo alle apparenze trascurando i bisogni della moglie e dei figli; Ho amato Isabella, una ragazza fantastica che pur appartenendo ad una grande famiglia, riesce ad essere umile, una ragazza riflessiva che nella vita ha solo sofferto e ha bisogno del vero amore, quello che solo Denis potrà dargli. Denis è il ragazzo un po stronzo fin quando non incontra il vero amore, infatti dal suo incontro con Isabella la sua vita cambierà diventando il ragazzo perfetto. Denis fa parte di una Rock band i cui membri sono alquanto strambi ma adorabili, li ho amati tutti sopratutto Julian, il cantante della band, una band i cui componenti riescono a dare ad Isabella tutto l’affetto di cui necessita, una vera famiglia. Ho letto questo libro tutto d’un fiato, la storia prende molto, una storia che mi ha emozionata e mi ha anche fatta ridere in alcuni momenti, grazie alle stramberie dei personaggi. Ho apprezzato il mix tra musica e amore, rendendo il romanzo non la classica storia strappalacrime, ma una storia avvincente, ironica e dolce allo stesso tempo. "La mia musica sei tu" mi ha conquistata fin da subito ed è uno di quei romanzi che restano nel cuore. Un romanzo scorrevole nella lettura, e consiglio tutti voi lettori di leggerlo perchè merita.

mercoledì 28 ottobre 2015

Le mie abitudini da lettrice


“Gli amanti dei libri non vanno mai a letto da soli.”
Salve cari lettori oggi voglio parlarvi delle rituali, delle abitudini che ogni lettore assume prima e durante la lettura di un libro. Ci sono dei gesti che non possiamo fare a meno di compiere, come ad esempio contare il numero di pagine di un capitolo prima di iniziare a leggero, non leggere mai l’ultima pagina del libro senza prima finirlo, annusare le pagine di un libro nuovo prima dell’acquisto…Bene sono sicura che ognuno di noi assume un certo comportamento al riguardo, ed ecco qui elencate le mie abitudini da lettrice 😛
1. La mia scelta del libro avviene attraverso la copertina e il titolo, se questi due fattori mi attraggono leggo poi la trama e il libro in questione sarà mio 😛
2. Al momento dell’acquisto annuso le pagine facendo si che quell’odore di carta si fonde con me così che io e il libro diventiamo un’unica cosa (questo si che è amore a prima vista).
3. Non leggo mai l’ultima pagina prima di terminare il libro.
4. Durante la lettura mi capita di sfogliare le pagine ed annusarle, poi riprendo con la lettura.
5. Conto le pagine di un capitolo prima di iniziarlo.
6. Non ho orari stabiliti per leggere, leggo quando ho tempo anche se passerei le giornate intere a leggere.
7. Sottolineo le citazioni che più mi colpiscono e le riporto, di seguito, sulla mia agendina <3
8. Accumulo libri, ogni volta che vado in libreria non esco senza averne comprato almeno uno.
9. Se un libro non mi colpisce dalla lettura delle prime pagine non proseguo, la lettura non deve essere noia quindi meglio cambiare libro.
10. Ci sono stati dei libri che mi sono rimasti nel cuore e terminarli è stato come lasciare un amico.
“Talvolta penso che il paradiso sia leggere continuamente, senza fine. (Virginia Woolf)”

Tag Cioccolatoso - Annalisa e la ladra di libri

Ciao lettori oggi io e Sara di Ladra di libri vi proponiamo un Book Tag di coppia riguardante libri e cioccolato, ideato da Dreaming with books



Cioccolato fondente – Un libro che affronti temi difficili

Sara: IO PRIMA DI TE di Jojo Moyes. Tratta un tema difficile, intenso. Una storia d’amore bellissima, passionale e di rinunce. Penso sia uno dei libri più belli che io abbia letto nella mia vira.

Annalisa: Il rumore dei tuoi passi di Valentina D’Urbano, un libro che ho amato molto, dove i protagonisti sono due ragazzi adolescenti che vivono in un quartiere di Roma dove regna il degrado e devono far fronte a vari problemi quali le difficoltà economiche, la delinquenza e la droga, quest’ultima vera protagonista del romanzo. Un romanzo che ci mette di fronte ad una realtà dura e disastrosa.


Cioccolato bianco – Un libro leggero e divertente

S: Ne ho letti moltissimi. Vi consiglio TI PREGO LASCIATI ODIARE di Anna Premoli. Ironico, divertente, frizzante con un tocco di romanticismo. Si tratta del mio primo “New Adult” . Ho scoperto un genere che è entrato di diritto nella mia Top Five 😉

A: Qualcosa di vero di Barbara Fiorio. Questo libro è uno dei miei preferiti, un libro che ho letto tutto d’un fiato, emozionante ma molto ironico. La storia parla dell’amicizia tra Giulia, una pubblicitaria, e Rebecca, una bambina. Giulia ogni sera si intrufola nella stanza della bimba e le racconta le favole, quelle vere, per farla addormentare. Il modo in cui vengono raccontate le favole è davvero sorprendente, non puoi fare a meno di ridere.


Cioccolato al latte – Un libro di cui tutti parlano e che muori dalla voglia di leggere

S: Anche in questo caso, ne ho centinaia di titoli. Devo assolutamente leggere L’INCASTRO (IM)PERFETTO di Collen Hoover. Sta decisamente spopolando sul web!

A: La saga Shadowhunters, ho appena acquistato il primo libro di questa saga che tutti mi stanno consigliando e presto la inizierò.


Cioccolato con cuore di caramello – Un libro che ti ha fatto venire gli occhi a cuoricino

S: Scelta difficilissima. Ho appena finito di leggere SOLO TU di Allison Price. Effettivamente, ho gli occhi a cuoricino <3 Ve lo consiglio!!

A: La trilogia “Uno splendido disastro” di Jamie McGuire. Una storia che mi è piaciuta tanto, una storia d’amore che mi ha conquistata.


KitKat – L’ultimo libro che ti ha piacevolmente sorpresa

S: RIVERSIDE #1 di Bianca Rita Cataldi. Mi la spiazzata ed aspetto con ansia il seguito DOLLHOUSE #2.

A: A time for love-un tempo per amare, è il primo romanzo di un’autrice emergente, Chiara Mineo, che mi è davvero piaciuto tanto e che per me è stata una grande sorpresa. Un romanzo che merita davvero.


Nutella – Un libro per cui vai matta

S: Vado matta per le saghe! DIVERGENT Series di Veronica Roth è la saga del mio cuore, amo i personaggi..amo tutto!

A: Memorie di una Geisha, adoro la letteratura orientale e questo libro è il mio preferito in assoluto.


Cioccolata calda con gelato e marshmellows – Un libro da cui torni ogni volta che hai bisogno di sentirti te stessa

S: Un libro che mi rilassa..la saga di Shadowhunters di Cassandra Clare. Amo anche il film che riguardo con ossessione periodicamente 😉

A: Piccole donne, il primo libro letto da bambina ed è il libro che mi ha fatto amare la lettura.


Scatola di cioccolatini – Una serie che hai letto e che ha un po’ per tutti

S: Direi la saga delle saghe: HARRY POTTER!! Amicizia, Amore, Fantasia, Effetti speciali…tutto!!

A: Cronache, guerre e leggende del Mondo Emerso di Licia Troisi, una serie Fantasy che conquista che mi è piaciuta molto e credo che conquisterà ogni lettore.

Recensione - Alice from Wonderland



TITOLO: Alice from Wonderland
AUTORE: Alessia Coppola
EDITORE: Dunwich
PAGINE: 266
TRAMA: Cosa accadrebbe se Alice varcasse la dimensione di Wonderland? Quanto labile diverrebbe il confine tra lucidità e follia? Una strega, un sortilegio e un libro sono il principio di tutto. Alice non è più la bambina sprovveduta che vagheggiava tra labirinti di carte. È una giovane innamorata, alla ricerca della propria identità. Per trovarla viaggerà nel tempo e oltre il tangibile. Scrittori, scienziati, circensi e matti sono i suoi compagni in uno straordinario viaggio verso una meta impossibile. Sottomondo non è mai stato così sopra. Che la magia abbia inizio, la tana del coniglio vi aspetta.


Adoro Alice, è il mio personaggio preferito da bambina, ho amato il film Disney, ho amato “le avventure di Alice nel paese delle Meraviglie” di Lewis Carroll, ho amato il film di Tim Burton “Alice in Wonderland” e ho amato “Alice from Wonderland” di Alessia Coppola. Una storia unica e folle, che ti cattura fin da subito. Il modo in cui scrive Alessia Coppola è davvero unico, descrive i luoghi e i personaggi in una maniera così reale da trasportare il lettore all’interno del libro e fargli vivere ogni avvenimento raccontato, è ciò che ho provato durante la lettura, mi sono sentita molto vicina ai vari personaggi da vivere la storia in prima persona. “Alice from Wonderland” parla di Alice e di tutti i personaggi appartenenti al paese delle Meraviglie, catapultati nel mondo reale a causa di una magia. Il personaggio che più ho amato al quale mi sono legata è stata Alice, ovvio, ma nel mio cuore ci sono anche il Cappellaio Edmund e il Brucaliffo Algar, due personaggi molto diversi tra di loro, entrambi innamorati di Alice, in competizione tra loro per conquistare la dolce Alice.
Un libro che consiglio di leggere, unico nel suo genere, durante la sua lettura più volte mi sono ritrovata a pensare “come ha fatto l’autrice a dar vita ad una storia come questa?” scrivere una storia ispirata ad un grande capolavoro classico come “Le avventure di Alice nel paese delle Meraviglie” di Carroll non è da poco, ma lei ci è riuscita, la considero un genio”.

martedì 27 ottobre 2015

Recensione - La mia eccezione sei tu di Patrisha Mar


TITOLO: La mia eccezione sei tu
AUTORE: Patrisha Mar
EDITORE: Newton Compton
PAGINE: 246
CONSIGLIATO? Assolutamente siiiiiiiiii
TRAMA: Finalmente è arrivato il giorno del tanto atteso colloquio di lavoro e Sara deve fare bella figura. Sono già due anni che si è laureata, ma né in campo professionale né in quello sentimentale sembra che la sua vita abbia preso una piega accettabile. E adesso eccola, traballante su tacchi troppo alti, in ritardo cosmico – grazie alla simpatica sveglia che non suona quando dovrebbe e a un autobus che ha deciso di saltare una corsa – sotto la sede della rivista di moda e gossip più letta del momento. Sara deve avere quel lavoro… Ma la giornata a quanto pare è nata storta e può solo peggiorare. E infatti, come una ciliegina sulla torta, l’ascensore che è riuscita a prendere al volo pensa bene di bloccarsi. Uno scossone prima e un altro a breve distanza ed è chiaro che non ripartirà. Ma Sara lì dentro non è sola… Accanto a lei c’è qualcuno. Qualcuno che soffre di claustrofobia e che è sul punto di avere un attacco di panico. A meno che lei… non si faccia venire qualche idea geniale per impedirlo. Un’idea così geniale che lascerà il segno…


IL MIO PARERE
Ho trovato questo romanzo davvero bello, una storia d’amore frizzante, emozionante e a tratti anche ironica. Una commedia romantica da non perdere e da leggere ed assaporare dalla prima all’ultima pagina. Il romanzo parla della storia d’amore tra Sara, una ragazza come tante, e Daniel, il modello più famoso e desiderato al mondo, un incontro in ascensore che cambierà la loro vita e che farà sbocciare un amore unico, anche se all’inizio pieno di paure e gelosia, sopratutto da parte di Sara, la quale non si sente all’altezza del bellissimo Daniel ed è spesso preda della gelosia a causa di tutte le donne che desiderano il modello. Daniel è il ragazzo perfetto, dolce, premuroso, fedele e simpatico, me ne sono innamorata. Sara è la ragazza della porta accanto una ragazza semplice, riflessiva ma anche piena di insicurezze e paure, ma chi di noi non sarebbe preda di paure ed insicurezze con un modello come Daniel al proprio fianco? Mi sono rispecchiata molto in Sara, leggendo il romanzo infatti è stato come vedere me stessa.
Un libro scorrevole che si legge tutto d’un fiato, una storia che cattura il lettore, bella ed emozionante che consiglio di leggere <3
4881345_Cv7iN
IL PARERE DEI LETTORI
«Ho iniziato il romanzo ieri pomeriggio e l’ho terminato questa notte alle due. Non riuscivo a posare il lettore, mi si era fermata la circolazione delle braccia. Ma il cuore pompava fortissimo!»
Federica
«Una deliziosa commedia romantica, frizzante come un ruscello freschissimo, da leggere per sorridere, sognare e innamorarsi.»
Amabile
«Questa favolosa commedia romantica è un’eccezione continua, una spumeggiante rivoluzione che fa di questo romance un gioiellino perfetto.»
Romanticamente Fantasy
«Amanti dei rosa, non amanti dei rosa… Leggetelo perché potrebbe essere la vostra eccezione!»
Insaziabili letture

Recensione - L'amore è uno sbaglio straordinario


Sono stata un po titubante sulla lettura di questo libro. Copertina stupenda e anche il titolo, ma mi sembrava la solita storia d’amore banale.
Poi mi son detta “Beh leggiamolo”, e pagina dopo pagina sono stata catturata dalla storia, mi è piaciuto tanto.
Un libro molto scorrevole, un libro che si fa leggere pagina dopo pagina.
Una storia d’amore bellissima dove l’amore prevale su tutto ed in grado di cambiare le persone in meglio. Ho amato la protagonista,Melissa, una ricercatrice universitaria, una ragazza dolce che inizia ad avere contatti tramite la chat di Facebook con Riccardo alias Leon de Rouc. Dal primo istante in cui si parlano i due si sentono già legati ma il loro rapporto dovrà superare molte difficoltà.
Questo romanzo mi ha fatto capire che in amore bisogna lottare insieme, essere complici e capirsi, solo così si può far fronte alle mille difficoltà.
Ci sono delle persone che sono destinate a stare insieme da sempre, basta uno sguardo, una conversazione per telefono o su facebook o su altri social, che ci fanno sentire una forte emozione e ci fanno capire che quella è la persona giusta, che ci legano a quella persona fino a farla diventare una parte della nostra vita. L’incontro ravvicinato tra due persone è sempre da preferire, certo, ma in alcuni casi l’amore può nascere in qualsiasi modo, anche attraverso Facebook
 😉
TRAMA
E se all’improvviso un estraneo facesse irruzione nella tua vita? L’esistenza di Melissa, ricercatrice universitaria, scorre tranquilla fino a quando, un giorno, acquista un iPad a un’asta. Su quel tablet trova parecchi file del precedente proprietario e soprattutto tantissime foto: paesaggi marini, scorci urbani, particolari architettonici. Affascinata da quelle immagini, Melissa inizia una ricerca su internet che la porta fino al profilo Facebook di un certo Leon de Rouc. La ragazza non resiste alla tentazione e invia una richiesta di amicizia. Riccardo Ferraris, alias Leon de Rouc, vive a Torino ed è un programmatore con il pallino per la fotografia. È bello, ricco, ha una relazione stabile, ma la sua vita è perfetta solo all’apparenza. Quando per gioco accetta l’amicizia di Melissa, tra i due comincia una fitta corrispondenza online, che nasce come pura evasione, ma diventa ben presto ossigeno per entrambi, una droga dolcissima a cui nessuno dei due può rinunciare. E se a un tratto la realtà irrompesse in quella relazione virtuale? Dopo il successo di Buonanotte amore mio arriva una nuova brillante commedia dalla quale sarà impossibile staccarsi.

Intervista ad Isabella Izzo autrice "La schiava dei Tudor"

Salve lettori oggi ho avuto il piacere di fare una splendida chiacchierata con Isabella Izzo, autrice de “La Schiava dei Tudor”, un romanzo stupendo che ho avuto il piacere di leggere. Un romanzo emozionante, avvincente e dove l’amore prevale su tutto. Ora però godetevi questa splendida intervista <3

Isabella Izzo è nata a Teano e vive a Calvi Risorta, in provincia di Caserta. E’ autrice del fantasy: Harbor. Storia di un regno. La schiava dei Tudor rappresenta il suo debutto nel genere sentimentale di ambientazione storica con un romanzo potente, capace di gettare nuova luce su un aspetto drammatico e poco conosciuto della storia europea.
1. Come è nata la tua passione per la scrittura?
La mia passione per la scrittura è nata dalla sfida di riuscire a creare una storia come quelle che tanto amavo leggere. Il guaio è che, una volta iniziato a scrivere, non sono più riuscita a smettere!
2. Che tipo di lettrice sei?
Mi piace leggere un po’ di tutto, non ho generi preferiti, e quando ho tempo riesco a leggere anche un libro al giorno.
3. Hai avuto momenti di difficoltà durante la stesura di “La schiava dei Tudor”?
Di momenti di difficoltà, in questo lavoro, se ne hanno tanti e spesso: gli intrecci della trama, lo stile, il classico blocco dello scrittore. In particolare, trattandosi di un romanzo ad ambientazione storica, è stato difficile far combaciare la storia reale con la storia dei miei personaggi. Non è stato semplice scegliere il luogo dell’ambientazione, e durante la stesura sono occorse diverse ricerche storiche. Ma è stato piacevole e interessante.
4. Come è nata “La schiava dei Tudor”?
La schiava dei Tudor è nata dalla voglia di scrivere qualcosa di reale e di intenso, e così ho scelto di partire dalla tratta degli schiavi. Ho poi miscelato vari ingredienti, come l’amore, la passione, la vendetta, le lotte e i complotti. Infine ho scelto un’ambientazione che mi sta a cuore: il medioevo. E così è nata La schiava dei Tudor.
5. Tema fondamentale del tuo romanzo è l’amore. Quanta importanza ha per te l’amore?
Nella vita credo che l’amore sia il motore di tutto, e nei romanzi, che leggo e che scrivo, lo trovo un tema indispensabile.
6. Ho amato il tuo romanzo e ho amato Dayla, come è nato il personaggio di Dayla?
Dayla, la protagonista, esattamente come tutti gli altri personaggi, di questo e degli altri miei romanzi, è nata poco per volta, sviluppandosi quasi da sé, e soprattutto anche a favore della trama.
7. Il tuo libro è ambientato nel 1521 nell’Inghilterra del Nord, come mai questa scelta?
Come già detto amo quel periodo storico e, dopo diverse ricerche per capire come sposare, al meglio dei modi, realtà e finzione, ho optato per quella data. Ho scelto poi l’Inghilterra perché lo trovo un luogo ricco di storia e fascino, soprattutto la splendida e monumentale abbazia di Whitby che si affaccia a picco sul mare.
8. Come definisci l’amore tra Dayla e Masala?
Quello tra Masala e Dayla è sicuramente un amore puro, innocente e sincero. Ma come le più belle storie d’amore, ho voluto che la loro unione non fosse semplice e immediata.
9. Che messaggio vuoi lasciare ai lettori attraverso il tuo libro?
Non c’è un messaggio particolare. Il romanzo abbraccia diversi temi, e di messaggi ne lancia certamente altrettanti. Ogni lettore troverà in questa storia il messaggio che il suo cuore sarà in grado e pronto a cogliere.
10. Hai altri progetti per il futuro?
Per il futuro ci sono tantissimi progetti. Un nuovo romanzo è già pronto e in attesa di pubblicazione, mille idee sono appuntate per mille nuove avventure, e nel frattempo, una nuova storia sta prendendo vita. Le parole chiavi per tutti i miei scritti restano “Amore, emozione e avventura.
11. Una breve dedica al blog “L’amore per i libri” 
Grazie infinite al blog L’amore per i libri e ai suoi lettori! Un blog eccezionale. Spero di ritrovarci qui presto a parlare del mio nuovo romanzo 😉

lunedì 26 ottobre 2015

Recensione - Il primo amore sei tu

Dopo “Il primo bacio a Parigi” Stephanie Perkins ritorna con “Il primo amore sei tu”. In libreria dal 15 settembre.


Titolo: Il Primo Amore Sei Tu
Autrice: Stephanie Perkins
Editore: De Agostini
Ebook: € 6,99
Prezzo: € 14,90
Trama
Lola ha diciassette anni, un gusto un po’ stravagante per la moda, e tre piccoli, piccolissimi desideri. PRIMO Andare al ballo della scuola vestita da Maria Antonietta. SECONDO Convincere i genitori che Max è il fidanzato migliore del mondo. TERZO Non rivedere più Cricket Bell. Mai più. A volte però il destino gioca brutti scherzi e la famiglia Bell al completo si trasferisce nella casa proprio di fronte a quella di Lola. All’improvviso la ragazza sente il mondo crollarle addosso. Per due anni ha faticosamente tentato di dimenticare Cricket, e ora tutti i suoi sforzi sembrano vanificati. Cricket è di nuovo lì, davanti ai suoi occhi, e con lui il ricordo di ciò che è stato e di quell’ultima giornata insieme… Lola è sicura di aver voltato pagina con Max e di non provare più niente per Cricket. Ma allora perché sente il cuore batterle all’impazzata ogni volta che lo incontra? Forse perché il primo amore non si scorda mai?
Recensione
Un libro bellissimo che racconta una storia davvero emozionante, la storia di Lola, una ragazza un po particolare con un look che non passa inosservato. Lola che dopo una delusione da parte del suo primo amore, il quale parte lasciandola sola, il giorno in cui lo rivede si accorge che è ancora innamorata di lui, e ciò provocherà dei casini…Il primo amore non si dimentica mai, è questo il tema di questo splendido libro. Un libro emozionante che ti fa sognare, un libro scorrevole che ti tiene incollato alle pagine dall’inizio alla fine. Adoro Lola e la sua storia con Cricket, il suo primo amore, ma ho adorato ancora di più i genitori di Lola, dei genitori un po particolari, sono una coppia di gay, sono divertentissimi e mi hanno fatto ridere. Genitori super protettivi verso la loro figlia, una famiglia davvero speciale. Un libro che consiglio a tutti, un libro bellissimo che non potete non leggere

Recensione - Musica per un amore proibito di Hanni Munzer



TITOLO: Musica per un amore proibito


AUTORE: Hanni Munzer

EDITORE: Giunti
PAGINE: 460
TRAMA: Da Monaco a Berlino fino alla romantica Cracovia, la storia di una passione proibita che getterà le sue ombre su quattro generazioni di donne. Fino a che punto si può spingere una madre per salvare i suoi figli? E fino a che punto si può spingere una figlia per vendicare suo padre? Amore, ossessione, coraggio e tradimento nell’Europa devastata dal nazismo. Mentre la giovane e inquieta Felicity è pronta a lasciare Seattle e l’adorabile fidanzato Richard per realizzare il sogno di fare il medico a Kabul, una serie di eventi drammatici sconvolge la sua famiglia: la madre di Felicity scompare nel nulla a pochi giorni dalla morte dell’anziana nonna Deborah. Felicity si metterà sulle sue tracce, riuscendo finalmente a raggiungerla a Roma. In quel luogo la madre sta cercando di ricomporre la tumultuosa storia della sua famiglia, dopo aver scoperto che Deborah ha sempre mentito sul suo passato: un vecchio ritaglio di giornale la ritrae in prima fila durante il processo di un criminale nazista. Chi è quell’uomo? E quale legame aveva con Deborah? La risposta potrebbe nascondersi nel misterioso diario in ebraico rinvenuto tra le sue cose. Inizia un trascinante viaggio che porterà Felicity nella Germania dell’ascesa hitleriana, sulle orme della bisnonna Elisabeth, celebre cantante d’opera sposata con un medico ebreo, e della nonna Deborah, pianista di talento, la cui indole ardente e impulsiva segnerà il suo destino in modo imprevedibile.



Io descriverei questo libro con una sola parola “STUPENDO”.
Un romanzo storico ambientato nell’Europa devastata dal Nazismo, una storia fatta di passione e coraggio, una storia che ti emoziona e ti arriva al cuore, ma anche una storia dura che fa vivere l’orrore di quel periodo, un periodo dove alla base di tutto c’era l’odio e la distruzione, un periodo dove chi era un ebreo era spacciato.
Sono venuta a conoscenza di questo splendido romanzo grazie al web, è stato amore a prima vista ed ho atteso con ansia la sua uscita in libreria. Sono stata colpita dalla copertina e dal titolo e una volta letta la trama me ne sono innamorata ancora di più, anche perchè i romanzi storici intrecciati con il presente sono i miei preferiti, sopratutto quelli ambientati durante la seconda guerra mondiale. Ho letto “Musica per un amore proibito” tutto d’un fiato e la storia mi ha colpita dritta al cuore, un romanzo che mi ha catapultata in un periodo fatto di orrore e di violenze che fa riflettere sulla cattiveria del genere umano, uomini contro altri uomini, uomini crudeli senza pietà, e poi ci sono le donne di questo romanzo, donne meravigliose che malgrado le violenze alle quali sono costrette a sottostare non abbandonano la forza ed il coraggio di lottare ed andare avanti, Elisabeth e Deborah, le due protagoniste principali, due donne che lottano fino alla fine pur di difendere le persone amate.
Un romanzo che a mio parere è un capolavoro che va letto assolutamente.



L’amore è l’unica cosa che può guarire questo mondo.

La verità, dicono, è così pesante che neanche Dio riesce a sopportarla. Segue regole fisiche proprie, e quando meno te lo aspetti sale in superficie come una bolla nell’acqua e ti punta il dito contro. Alla mia famiglia capitò il giorno in cui morì mia nonna, e dopo poco mia madre scomparve senza lasciare tracce. Tutto ciò che accadde fu scatenato dal contenuto ingiallito di una scatola dimenticata. Il passato ci aveva raggiunto.


L’AUTRICE

Hanni Münzer è nata e vive attualmente in Germania, ma ha abitato per lunghi periodi a Seattle e a Roma. Da sempre appassionata di narrativa, nel 2013 ha iniziato ad autopubblicare online i suoi romanzi, finché nel 2014 il clamoroso successo di Musica per un amore proibito ha attirato l’attenzione del prestigioso editore Piper, che ha deciso di pubblicare il libro, piazzandolo per mesi ai primi posti della classifica dello Spiegel.