lunedì 18 gennaio 2016

Quattro chiacchiere con Daniela Volontè "L'amore è uno sbaglio straordinario"

Ciao lettori oggi parliamo d'amore con Daniela Volonté autrice di due fantastici libri "Buonanotte amore mio" e "L'amore è uno sbaglio straordinario",(Recensione l'amore è uno sbaglio straordinario). Mi raccomando seguite le varie interviste con gli autori perchè faranno parte di un grande Giveaway organizzato per San Valentino che si terrà a breve.
Ed ora quattro chiacchiere con Daniela 



Che rapporto hai con l'amore?
Guardando alla mia esperienza personale, in breve, posso dire: colpo di fulmine il primo giorno di università, coppia nel giro di una settimana, 9 anni  di fidanzamento e 15 di matrimonio... Nel caso non fossi stata abbastanza esaustiva, sottolineo che credo nell’amore e ritengo di essere stata anche molto fortunata dato che sono felicemente sposata con il mio primo amore.
            
E stato difficile per te scrivere la storia d'amore del tuo libro? Qualcosa o qualcuno ti ha dato     l'ispirazione?
Sinceramente scrivo quello che il cuore (e in parte la testa) mi spingono a fare, ci sono momenti in cui è difficile perché io non sono nello stato d’animo ideale e ce ne sono altri in cui mi rifiuto di scrivere... A volto credo che un personaggio non possa essere studiato a tavolino, bisogna essere in sintonia con lui/lei e alla fine la fonte di ispirazione resta il protagonista stesso.


Come pensi che si siano modificati i rapporti d'amore nel corso del tempo? (puoi anche fare esempi di grandi storia d'amore di grandi classici)
Anche se cambia il periodo storico oppure la collocazione geografica, un sentimento come l’amore è sempre uguale e al tempo stesso unico. Uguale perché scatena in tutte le epoche gli stessi meccanismi fisici e mentali, unico perché diverso per ogni coppia di esseri umani.


 Come ti sei avvicinato alla scrittura?
Sono una maniaca del controllo e in un momento in cui tutto nella vita mi stava sfuggendo di mano, avevo bisogno di creare un micro mondo in cui fossi io a dettare le regole, così ho iniziato a scrivere per esercitare questo potere...


 Che tipo di lettore sei?
Da che ho smesso di studiare e ho potuto finalmente scegliere liberamente cosa leggere, preferisco tuffarmi nei romanzi rosa, meglio se contemporanei.


Che messaggio vuoi dare ai lettori che leggeranno il tuo libro?
Nessun messaggio a dir la verità! Mi piacerebbe soltanto che il lettore chiudesse il libro o l’e-reader con un sorriso sulle labbra.


 Hai un tuo rituale di scrittura?
Essendo una mamma a tempo pieno scrivo nei ritagli di tempo tra gli impegni dei miei figli, quindi l’importante per me è scrivere e non ho rituali particolari... bevo solo tanto tanto caffè!


 Ci sono aneddoti in particolare che ci puoi raccontare riguardo al tuo libro (che riguardano la sua scrittura, la pubblicazione o altro)?
“L’amore è uno sbaglio straordinario” inizia con la protagonista che maldestramente rovescia una tazza di caffè sull’iPad del suo coinquilino distruggendolo e ne acquista uno usato a un’asta presso l’aeroporto di Malpensa... be’, quella pasticciona sono io e il tablet era quello di mio marito... :-)


  Cosa ti ha lasciato questo libro oltre alla soddisfazione di vederlo pubblicato?
Molti lettori che prima di questo libro hanno letto il romanzo precedente, ossia “Buonanotte amore mio”, si sono complimentati perché il tipo di scrittura si è evoluta, diventando più matura... Il fatto di essere cresciuta anche solo un pochino per me è una bella soddisfazione.


 Una citazione che ami particolarmente (possibilmente d'amore tua o di altri)?
“Di qualunque cosa le nostre anime siano fatte, la mia e la tua sono fatte della stessa cosa”  Emily Brontë

1 commento:

  1. ahahah avrei voluto sentire tuo marito quando gli hai rovesciato il caffè sul pc ..... immagino la scena ahahah
    bellissima intervista

    RispondiElimina