mercoledì 27 gennaio 2016

Giornata di shopping

Questa mattina mi sono dedicata allo shopping e sono tornata a casa con due libri tanto desiderato e tre smalti per unghie presi da Kiko 



UNA PRESENZA IN QUELLA CASA

di 

PAIGE MCKENZIE

PREZZO: 16,00 euro
EDITORE: Giunti
PAGINE: 303

Una ragazzina che trasloca in una casa infestata dai fantasmi: il romanzo di Paige McKenzie tratto dalla serie web The Haunting of Sunshine Girl. Un successo con oltre 130 milioni di visualizzazioni.
Tutto comincia nel 2010, quando una sedicenne simpatica e carina posta su YouTube un brevissimo filmato e confessa il sospetto che nella sua casa ci siano i fantasmi. Nel giro di pochi anni la serie di brevi filmati che la vedono protagonista diventa virale. Una presenza in quella casa, ispirato alla serie web che ha già fatto tremare così tanti amanti del genere horrore non solo, è il primo romanzo della giovanissima Paige McKenzie.
Nella nuova casa di Sunshine – questo il soprannome della ragazza – si avverte qualcosa di inquietante: oggetti che si spostano, risatine nel cuore della notte, ombre misteriose nelle foto che scatta... La madre adottiva, con cui Sunshine ha un rapporto aperto e affettuoso, insiste nel dire che è tutto frutto di immaginazione e comincia a comportarsi in modo sempre più incomprensibile. C'è solo una persona che dà credito ai timori di Sunshine: Nolan, un compagno di liceo che condivide la sua passione per la fotografia ed è disposto ad affiancarla per studiare i vecchi casi di cronaca nel tentativo di capire cosa stia davvero succedendo. La tensione sale inarrestabile e le cose peggiorano quando le risatine si trasformano in urla e singhiozzi. Cosa nasconde quella casa? Sunshine è in preda al terrore, ma deve farsi forte se vuole salvare la madre da una sorte peggiore della morte.

LA PIANISTA DI AUSCHWITZ

di 

SUZY ZAIL

PREZZO: 9,90 euro
EDITORE: Newton Compton
PAGINE:251

Hanna ha quindici anni ed è una pianista di talento. È cresciuta in una famiglia ebrea della media borghesia ungherese, ma quando la città in cui vive viene rastrellata, dovrà conoscere insieme ai suoi cari gli orrori del campo di concentramento. Sua madre impazzirà dopo essere stata separata dal marito, e Hanna rimarrà sola con la sorella Erika ad affrontare un luogo agghiacciante e brutale come Auschwitz. Un giorno, però, le viene offerta la possibilità di suonare il pianoforte per il comandante del lager, una scelta sofferta per la povera ragazza. Una volta entrata nella villa del nazista, conoscerà suo figlio, Karl, ragazzo affascinante che sembra rinnegare la vita dello spietato padre. Di primo acchito, Hanna non potrà fare a meno di odiarlo con tutta se stessa. Eppure, man mano che passano i mesi, un altro sentimento per il giovane Karl si farà strada nel suo cuore…


Adoro questa linea di smalti della Kiko, sono effetto semipermanente, io ho preso il POWER PRO NAIL LACQUER N.14 (rosso classico molto bello) e il POWER PRO NAIL LACQUER N.46 (è un rosso-fucsia), per una maggior durata dello smalto ho acquistato anche un GEL LOOK da applicare alla fine in modo che lo smalto viene sigillato e dura molto di più. 
Alla Kiko troverete anche molti prodotti in saldo scontati del 50%

lunedì 25 gennaio 2016

Valentone's Day Giveaway - Una Scatola Piena d' Amore



Eccoci finalmente all'inizio ufficiale del Valentine's day giveaway!


Regolamento:
 Commentare 
Dovranno essere presenti nel commento:
1. una bella frase
DOVETE FARCI INNAMORARE DI UN LIBRO
  perciò aprite il vostro cuore e tirate fuori parole d'amore!
(esempio: "Cosi vicini" ve lo consiglio perchè insegna molto sull'amore e fa capire che dopo tutte le cose orribili che ti possono capitare nella vita, l'amore è sempre li pronto a salvarci la vita quando meno ce lo aspettiamo.)
2. le vostre scelte in ordine di preferenza
 (esempio: gialla- rossa-lilla-viola- rosa- fucsia)
3. EMAIL per essere contattati un caso di vittoria.
4. Condividere pubblicamente questo post sui vostri social, invitando i vostri amici a partecipare.
5. ISCRIVERSI ai lettori fissi dei SEI BLOG.

POTETE SCEGLIERE DI COMMENTARE IN UNO O PIU' BLOG - RICORDATE PERO' CHE I COMMENTI DOVRANNO ESSERE DIVERSI!

SARA' POSSIBILE COMMENTARE FINO AL 10 FEBBRAIO.
OGNI BLOG SCEGLIERA' IL COMMENTO  CHE PREFERISCE TRA TUTTI.
(NON SARANNO ASSEGNATI NUMERI perciò non chiedeteci quando li assegneremo.)
il 14 febbraio pubblicheremo su tutti i blog i nomi dei Sei vincitori.

PREMI:
Da oggi potrete provare a vincere una di queste scatole piene d'amore :
(vi basterà aprire i link per scoprire di più)



La scatola Rosa



La scatola Rossa 



La scatola fucsia

domenica 24 gennaio 2016

Nuovi acquisti

Ieri ho fatto un giro in libreria e ne sono uscita con due libri fantastici 


LA SARTA DI DACHAU

di 

MARY CHAMBERLAIE

Pagine: 320
Editore: Garzanti
Prezzo: 16,90 euro

Londra, 1939. Ada Vaughan non ha ancora compiuto diciotto anni quando capisce che basta un sogno per disegnare il proprio destino. E il suo è quello di diventare una sarta famosa, aprire una casa di moda, realizzare abiti per le donne più eleganti della sua città. Ha da poco cominciato a lavorare presso una sartoria in Dover Street, e la vita sembra sorriderle. Un viaggio imprevisto a Parigi le fa toccare con mano i confini del suo sogno: stoffe preziose, tagli raffinati, ricami dorati. Ma la guerra allunga la sua ombra senza pietà. Ada è intrappolata in Francia, senza la possibilità di ritornare a casa. Senza soldi, senza un rifugio, Ada non ha colpe, se non quella di trovarsi nel posto sbagliato. Ma i soldati nazisti non si fermano davanti a niente. Viene deportata nel campo di concentramento di Dachau. Lì, dove il freddo si insinua senza scampo fino in fondo alle ossa, circondata da occhi vuoti per la fame e la disperazione, Ada si aggrappa all'unica cosa che le rimane, il suo sogno. L'unica cosa che la tiene in vita. La sua abilità con ago e filo le permette di lavorare per la moglie del comandante del campo. Gli abiti prodotti da Ada nei lunghi anni di prigionia sono sempre più ricercati, nonostante le ristrettezze belliche. La sua fama travalica le mura di Dachau e arriva fino alle più alte gerarchie naziste. Le viene commissionato un abito che dovrà essere il più bello della sua carriera. Un vestito da sera nero, con una rosa rossa. Ma Ada non sa che quello che le sue mani stanno creando non è un abito qualsiasi. Sarà l'abito da sposa di Eva Braun, l'amante del Führer… La sarta di Dachau è un caso editoriale mondiale. Venduto in 26 paesi, ha conquistato il cuore dei librai e dei lettori inglesi. Una storia di orrore e di speranza, di vite spezzate e della capacità di sopravvivere grazie ai propri sogni. La storia di una donna che non si arrende e che continua a lottare anche quando tutto sembra perso. 

L'USIGNOLO

di

KRISTIN HANNAH

Pagine: 466
Editore: Mondadori
Prezzo: 19,50 euro

Nel tranquillo paesino di Carriveau, Vianne Mauriac saluta il marito Antoine che si sta dirigendo al fronte. Non credeva che i nazisti avrebbero attaccato la Francia, ma di punto in bianco si ritrova circondata da soldati tedeschi, carri armati, aerei che scaricano bombe su innocenti. Ora che il Paese è stato invaso, Vianne è obbligata a ospitare il nemico in casa sua: da quel momento ogni suo movimento è tenuto d’occhio, lei e sua figlia sono in costante pericolo. Senza più cibo né denaro, in una situazione di crescente paura, si troverà costretta a prendere, una dopo l’altra, decisioni difficilissime. Isabelle, la sorella di Vianne, è una diciottenne ribelle in cerca di un obiettivo su cui lanciarsi con tutta l’incoscienza della giovinezza. Mentre lascia Parigi insieme a migliaia di persone, incontra il misterioso Gaëtan, un partigiano convinto che i francesi possano e debbano combattere i nazisti. Rapita dalle idee e dal fascino del ragazzo, Isabelle si unirà alla Resistenza senza mai guardarsi indietro, non considerando i rischi gravissimi a cui andrà incontro. Con coraggio e grazia, sorretta da una documentazione accuratissima, Kristin Hannah si addentra nell’universo epico della Seconda guerra mondiale per illuminare una parte della Storia raramente affrontata: la guerra delle donne. L’Usignolo racconta di due sorelle distanti per età, esperienze e ideali, ognuna alle prese con la propria battaglia per la sopravvivenza ma entrambe alla ricerca fiduciosa dell’amore e della libertà. Una storia toccante, dolorosa e coinvolgente che celebra la resilienza dell’animo umano e la straordinaria forza delle donne.



sabato 23 gennaio 2016

L'uragano dentro me di Rhoma G.

In libreria dal 21 gennaio

L'URAGANO DENTRO ME 

di 

RHOMA G. 



E' stato un grande successo in Ebook
ora disponibile in cartaceo per questa nuova edizione



PAGINE: 464
PREZZO CARTACEO: 14,90 euro
PREZZO EBOOK: 5,99 euro
EDITORE: Tre60

Tutto, nella vita di Ary, sembra tranquillo. Un matrimonio sereno con Danny, il suo primo amore, un lavoro faticoso ma appagante nella Libreria Wonderland, l’unico vero punto di riferimento per gli amanti dei libri nella cittadina di Gimli, in Canada. Eppure, da qualche tempo, Ary è distante, apatica, nervosa. Forse perché lei e Danny non sono riusciti ad avere un figlio? Forse perché lui si accontenta della routine e pare aver dimenticato cosa significa la passione?
Lucas Master è un affascinante manager di successo. La direzione centrale della Wonderland l’ha mandato a Gimli per risollevare le sorti della libreria… o per deciderne la chiusura. Lucas è convinto che il suo incarico si concluderà in fretta, ma non ha fatto i conti con il proprio cuore, e non sa che la sua strada incrocerà quella di Ary…
Poi accade il miracolo: Danny torna a essere l’uomo di cui Ary si era innamorata. Gentile, premuroso, appassionato. Ma per Ary è una vera tragedia perché, adesso, è lei a non essere più quella di una volta…

Rhoma G. ha cominciato a scrivere racconti all’età di tredici anni, e sebbene la vita l’abbia poi spinta verso altri lidi, non ha mai messo di coltivare il sogno di diventare scrittrice e infine lo ha realizzato. Vive col marito in una città di mare, ama viaggiare e nutre una smodata passione per i film di Hitchcock.

Sono già innamorata di questo libro, credo sarà il mio prossimo acquisto, non vedo l'ora di leggerlo




giovedì 21 gennaio 2016

Recensione - Così Vicini di Arianna Cesana


TITOLO: Così vicini
AUTORE: Arianna Cesena
EDITORE: Leone Editore
PREZZO: euro 12,00
PAGINE: 448

TRAMA 
Dario vive a Firenze con la nonna in quanto orfano di genitori. E' timido, introverso e sensibile. ciò lo porterà ad essere vittima dei più prepotenti. Emma è nata in una delle famiglie della Milano-bene: ricca, vanitosa e poco affettuosa. Da adolescente si crea un mondo parallelo fatto di amicizie, amori e divertimento; fino a quando un trauma inaspettato farà crollare tutto. Un viaggio introspettivo attraverso le vite di due anime così simili, ma così diverse, che vi travolgerà e vi farà innamorare di questa storia. 


Stupendo. 
Ho inseguito questo libro per parecchio tempo, non riuscivo a trovarlo da nessuna parte, solo un mese fa sono riuscita a trovarlo sul web e l' ho acquisto, e quando l' ho  ricevuto a casa non potete immaginare la gioia.
E' stato amore a prima vista, mi sono innamorata della copertina tutta rosa, dolce e delicata, e poi la trama mi ha decisamente conquistata.
"Così Vicini" è la storia di Emma e Dario, lei vive a Milano, lui a Firenze, entrambi vivono un' infanzia ed un'adolescenza triste, fatta di violenze e delusione, una vita difficile, dove i protagonisti perdono ogni speranza di salvezza fin quando Emma e Dario non si incontrano e il loro amore sarà l'unica cosa al mondo che li farà rinascere e guarirà tutte le cicatrici del passato.
Amo questo libro, mi ha emozionata tanto, ho anche pianto durante la sua lettura, è una storia che ti tocca il cuore, ti trasmette tante emozioni.
La parte iniziale del romanzo è molto toccante, in quanto parla dei due protagonisti durante la loro infanzia ed adolescenza, le violenze subite e le delusioni, l'autrice è stata bravissima a descrivere le emozioni e i pensieri dei protagonisti facendo vivere quelle vicende al lettore in prima persona, infatti durante la lettura è stato come vivere le stesse sensazioni di Emma e Dario. L'ultima parte del libro è meravigliosa, dolce e romantica...mi sono commossa!
Ho amato Emma, la sua dolcezza, la sua tenerezza mi hanno conquistata.
"Così vicini" è un libro che consiglio assolutamente di leggere, mi ha insegnato molto sull'amore, a volte nella vita capitano cose orribili, che ti lasciano il segno e ti fanno perdere ogni speranza di salvezza, ogni speranza di amare ed essere amati, ma non è così perchè l'amore è sempre dietro l'angolo li pronto a salvare la nostra vita quando meno ce lo aspettiamo, è ciò che capita ad Emma e Dario, il loro amore li guarirà dalle cicatrici del passato e dall'orrore subito, basta solo crederci.


mercoledì 20 gennaio 2016

Chiacchierando con Elena Rose


Lettori cari oggi chiacchieriamo d'amore con Elena Rose, autrice di "più forte di tutto", continuate a seguire le varie interviste perchè il grande Giveaway di San Valentino sta per arrivare.


1)Che rapporto hai con l'amore?
- È la fiammella che fa luce nella mia vita. L’amore fraterno, per la famiglia, per gli amici e per i libri mi tiene sempre compagnia. Poi l’amore, quello vero, è la cosa più bella che mi sia mai capitata.

2)​E stato difficile per te scrivere la storia d'amore del tuo libro? Qualcosa o qualcuno ti ha dato     l'ispirazione?
La storia è venuta da sé, capitolo dopo capitolo. I gesti spontanei, che sono i miei preferiti, li ho descritto come dovrebbero essere: semplici e genuini. In questo sì, ho preso ispirazione da chi vive con me le giornate.

3)​Come pensi che si siano modificati i rapporti d'amore nel corso del tempo? (puoi anche fare esempi di grandi storia d'amore di grandi classici)
L’amore ai giorni d’oggi, viene spesso frainteso. A mio parere si pensa che l’amore sistemi tutto, che grazie a questo sentimento la vita sarà perfetta. Al contrario invece, siamo noi che dobbiamo rendere l’amore perfetto. Con sacrifici, dedizione e anche un pizzico di coraggio. L’amore è sempre lo stesso, è il nostro modo di viverlo che è cambiato.

4)​Come ti sei avvicinato alla scrittura?
Leggo da una vita e dopo aver letto centinaia di libri mi sono chiesta se fossi mai stata in grado di scriverne uno io e così ho provato. Non so ancora se ci sono riuscita 😂

5)​Che tipo di lettore sei?
Un lettore che quando legge non deve essere disturbato altrimenti morde 😂 Mi abbandono completamente alla lettura, non voglio distrazioni.

6)​Che messaggio vuoi dare ai lettori che leggeranno il tuo libro?
Vorrei che liberassero la mente e si abbandonassero ai sogni dei protagonisti. Come se fossero loro stessi a vivere la storia.

7)​Hai un tuo rituale di scrittura?
A dire la verità no, scrivo quando sento di doverlo fare. In autobus, prima di dormire o davanti a una tazza di the.

8)​Ci sono aneddoti in particolare che ci puoi raccontare riguardo al tuo libro (che riguardano la sua scrittura, la pubblicazione o altro)?
Uno sì, avevo programmato tutto, prima della pubblicazione volevo fare tutto con calma (copertina, trama, promozione, ecc) e ci stavo riuscendo. Ero talmente convinta di aver calcolato tutto che avevo già annunciato la data certa. Un paio di giorni prima, il PC mi ha abbandonata. Panico. Ero nel terrore. Ho dovuto cercare un PC in prestito e sperare che qualche buona stella avesse salvato tutti i file nel PC fuori uso. Risultato? Ho passato nottate intere a risistemare i file perché non si era salvato nulla 😂

9)​Cosa ti ha lasciato questo libro oltre alla soddisfazione di vederlo pubblicato?
Nuovi amici, insegnamenti importanti e soprattutto tanta voglia di scrivere ancora.

10)​Una citazione che ami particolarmente (possibilmente d'amore tua o di altri)?
“Ma l’amore è così: ti travolge e ti prosciuga tutte le energie finché non vivrai solo di quello.
L’amore è forza, sacrificio, delusione e coraggio.

L’amore non regala nulla, devi guadagnare la sua bellezza e la sua felicità, una gioia che solo un sentimento così grande e potente è un grado di lasciarti.”

lunedì 18 gennaio 2016

Quattro chiacchiere con Daniela Volontè "L'amore è uno sbaglio straordinario"

Ciao lettori oggi parliamo d'amore con Daniela Volonté autrice di due fantastici libri "Buonanotte amore mio" e "L'amore è uno sbaglio straordinario",(Recensione l'amore è uno sbaglio straordinario). Mi raccomando seguite le varie interviste con gli autori perchè faranno parte di un grande Giveaway organizzato per San Valentino che si terrà a breve.
Ed ora quattro chiacchiere con Daniela 



Che rapporto hai con l'amore?
Guardando alla mia esperienza personale, in breve, posso dire: colpo di fulmine il primo giorno di università, coppia nel giro di una settimana, 9 anni  di fidanzamento e 15 di matrimonio... Nel caso non fossi stata abbastanza esaustiva, sottolineo che credo nell’amore e ritengo di essere stata anche molto fortunata dato che sono felicemente sposata con il mio primo amore.
            
E stato difficile per te scrivere la storia d'amore del tuo libro? Qualcosa o qualcuno ti ha dato     l'ispirazione?
Sinceramente scrivo quello che il cuore (e in parte la testa) mi spingono a fare, ci sono momenti in cui è difficile perché io non sono nello stato d’animo ideale e ce ne sono altri in cui mi rifiuto di scrivere... A volto credo che un personaggio non possa essere studiato a tavolino, bisogna essere in sintonia con lui/lei e alla fine la fonte di ispirazione resta il protagonista stesso.


Come pensi che si siano modificati i rapporti d'amore nel corso del tempo? (puoi anche fare esempi di grandi storia d'amore di grandi classici)
Anche se cambia il periodo storico oppure la collocazione geografica, un sentimento come l’amore è sempre uguale e al tempo stesso unico. Uguale perché scatena in tutte le epoche gli stessi meccanismi fisici e mentali, unico perché diverso per ogni coppia di esseri umani.


 Come ti sei avvicinato alla scrittura?
Sono una maniaca del controllo e in un momento in cui tutto nella vita mi stava sfuggendo di mano, avevo bisogno di creare un micro mondo in cui fossi io a dettare le regole, così ho iniziato a scrivere per esercitare questo potere...


 Che tipo di lettore sei?
Da che ho smesso di studiare e ho potuto finalmente scegliere liberamente cosa leggere, preferisco tuffarmi nei romanzi rosa, meglio se contemporanei.


Che messaggio vuoi dare ai lettori che leggeranno il tuo libro?
Nessun messaggio a dir la verità! Mi piacerebbe soltanto che il lettore chiudesse il libro o l’e-reader con un sorriso sulle labbra.


 Hai un tuo rituale di scrittura?
Essendo una mamma a tempo pieno scrivo nei ritagli di tempo tra gli impegni dei miei figli, quindi l’importante per me è scrivere e non ho rituali particolari... bevo solo tanto tanto caffè!


 Ci sono aneddoti in particolare che ci puoi raccontare riguardo al tuo libro (che riguardano la sua scrittura, la pubblicazione o altro)?
“L’amore è uno sbaglio straordinario” inizia con la protagonista che maldestramente rovescia una tazza di caffè sull’iPad del suo coinquilino distruggendolo e ne acquista uno usato a un’asta presso l’aeroporto di Malpensa... be’, quella pasticciona sono io e il tablet era quello di mio marito... :-)


  Cosa ti ha lasciato questo libro oltre alla soddisfazione di vederlo pubblicato?
Molti lettori che prima di questo libro hanno letto il romanzo precedente, ossia “Buonanotte amore mio”, si sono complimentati perché il tipo di scrittura si è evoluta, diventando più matura... Il fatto di essere cresciuta anche solo un pochino per me è una bella soddisfazione.


 Una citazione che ami particolarmente (possibilmente d'amore tua o di altri)?
“Di qualunque cosa le nostre anime siano fatte, la mia e la tua sono fatte della stessa cosa”  Emily Brontë

domenica 17 gennaio 2016

Intervista a Linda Bertasi "Il profumo del Sud"


Oggi su "Amore per i libri e non solo" una bellissima intervista a Linda Bertasi, autrice di "Il profumo del Sud", tema cemtrale dell'intervista è l'amore perchè ci prepariamo per San Valentino con un grande Giveaway dove si vinceranno tanti libri.

Ora gustatevi l'intervista <3


1) Che rapporto hai con l'amore?
Un saluto a te e a tutti i lettori del tuo bellissimo blog. L’amore è parte di me e compare in ogni mio libro, sono un’eterna romantica, non so immaginare la mia vita senza amore, mi lascio governare dai sentimenti e credo siano ciò che fa muovere tutto quello che ci circonda.

2)  E stato difficile per te scrivere la storia d'amore del tuo libro? Qualcosa o qualcuno ti ha dato     l'ispirazione?
Come dicevo, io vivo di storie d’amore, mi vengono a trovare in sogno o nei momenti più impensati. Quando scrivo mi lascio sempre guidare dall’ispirazione. Nel caso de “Il profumo del sud” la storia tra i due protagonisti è quella che ho sempre desiderato scrivere, un amore con la ‘A’ maiuscola ambientata in uno dei periodi storici da me più amati, quello della guerra di secessione americana. L’input per questo romanzo è stato grazie alla mia “Musa” Jane Austen. Ricordo che finii di guardare una trasposizione cinematografica di “Emma”, spensi la TV, mi sedetti al PC e scorsi un piroscafo in partenza dal porto di Genova.

3) Come pensi che si siano modificati i rapporti d'amore nel corso del tempo? (puoi anche fare esempi di grandi storia d'amore di grandi classici)
Credo fondamentalmente che l’amore sia sempre lo stesso, fatto di palpiti del cuore e di poesia. Ciò che è cambiato è l’approccio e il rapporto uomo-donna. Di diverso dal diciannovesimo secolo c’è l’indipendenza e l’emancipazione femminile che può sopravvivere anche senza sottostare ai piaceri di un uomo. Oggi le donne sono ardite, capaci di fare il primo passo e prendersi ciò che desiderano, in passato vivevano di aspettative intrappolati dai dogmi della società.  Un esempio di un grande classico d’autore è “Ragione e sentimento” che personalmente adoro, dove abbiamo due protagoniste molto diverse ma fondamentalmente timide. Una grande storia d’amore da me particolarmente amata per avvicinarci al nostro tempo è “Il cavaliere d’inverno” in cui Tatiana è timida e allo stesso tempo coraggiosa e impavida. Un’eccezione che conferma la regola è dato da “Via col vento” dove troviamo una protagonista diversa, non per forza positiva e debole, capace di provocare e ottenere.

4) Come ti sei avvicinato alla scrittura?
Scrivere è la mia linfa vitale, non so immaginare la mia vita senza scrittura. Ho iniziato sin da bambina con le lettere, i diari segreti, le poesie, i racconti e a diciassette anni ho scritto il mio primo romanzo, un tomo di 400 pagine che ancora custodisco nel cassetto.

5) Che tipo di lettore sei?
Sono appassionata di storia e letteratura inglese e russa. Sono cresciuta con Jane Austen, Lev. N. Tolstoj e William Shakespeare. Amo prevalentemente il romanzo storico, più un libro è corposo, più fa al caso mio.

6) Che messaggio vuoi dare ai lettori che leggeranno il tuo libro?
Ne “Il profumo del sud” punto la lente d’ingrandimento sulla figura della donna, sulla sua voglia di indipendenza e sulle origini. Non bisognerebbe mai dimenticare chi siamo e da dove proveniamo per quanta strada facciamo, ovunque ci porti il destino.

7)  Hai un tuo rituale di scrittura?
 Scrivo solo sotto ispirazione, la scena deve essere ben chiara nella mia testa e scorrere come la pellicola di un film. Lascio che sia l’ispirazione a governarmi, non faccio scalette, non so mai che titolo avrà un mio romanzo sino alla parola “fine”, né dove mi porterà. Puntualmente le mie storie mutano registro, sono imprevedibili, spesso personaggi secondari acquistano spessore come i principali e ricoprono ruoli-chiave, questo perché mi adeguo a loro, io sono la mano che scrive ma loro dettano le regole. Come dico sempre, la scrittura è una specie di magia.

8) Ci sono aneddoti in particolare che ci puoi raccontare riguardo al tuo libro (che riguardano la sua scrittura, la pubblicazione o altro)?
Il libro contiene la prefazione di una cara amica e collega Adele Vieri Castellano e consta di un glossario di 95 approfondimenti per gli appassionati della storia. Tutto quello che troverete nel romanzo è reale e documentato a eccezione della storia dei protagonista. La ricerca storica è durata 9 mesi e la stesura altri 7, necessari quando si tratta lo storico, niente può essere lasciato al caso.  Questa è la storia che ho sempre desiderato scrivere da appassionata di guerra di secessione americana. Con questo scritto ho vinto anche un diploma di merito come Autore Commendevole al VII Premio Letterario Europeo Massa.

9)Cosa ti ha lasciato questo libro oltre alla soddisfazione di vederlo pubblicato?
 Ho amato la parte relativa alla ricerca, mi ha arricchito tanto e ho imparato tanto. Amo la ricerca forse più della scrittura, conoscere usanze e mondi lontani dal nostro per me è il paradiso, una sensazione che ti totalizza e ti fa sentire più consapevole. Questo romanzo mi ha dato tanto, mi ha fatto incontrare persone meravigliose e stringere legami, ora, irrinunciabili per me.

10)  Una citazione che ami particolarmente (possibilmente d'amore tua o di altri)?

 Non chiamarmi ‘amore’, non sporcare questa parola! ‘Amare’ è invecchiare insieme, è addormentarti tutte le notti accanto alla tua compagna, non rincorrere pericolosi ideali. (Il profumo del sud)

sabato 16 gennaio 2016

Intervista ad Alessia Coppola autrice di Alice from Wonderland


Oggi faremo una chiacchierata sull'amore con Alessia Coppola, autrice di "Alice from Wonderland" (clicca qui per la recensione), "Blue dream", "Oltre lo specchio" e altri libri stupendi che devo assolutamente legger, perchè Alessia è una delle mie autrici preferite, amo i suoi libri, sono unici <3
Questa intervista fa parte di un Giveaway che ci sarà a breve per San Valentino organizzato con altre blogger, dove ci saranno tante soprese per il vincitore.


1)   Che rapporto hai con l'amore?
Quale mistero è l'amore. Potrei risponderti con un aforisma di Emily Dickinson  "Che l'amore sia tutto, è tutto ciò che sappiamo dell'amore."
Per me è davvero tutto. L'amore assoluto e senza misura per la scrittura, la vita, coloro che amo. È la spinta propulsiva che muove il mondo. È il respiro stesso dell'Universo.


2)  E stato difficile per te scrivere la storia d'amore del tuo libro? Qualcosa o qualcuno ti ha dato     l'ispirazione?
Sarebbe scontato se ti dicessi che proprio l'amore mi ha ispirato? Non è stato difficile. Come tutte le storie, è venuta a cercarmi e l'ho ascoltata.

3) Come pensi che si siano modificati i rapporti d'amore nel corso del tempo? (puoi anche fare esempi di grandi storia d'amore di grandi classici)
Sono del tutto cambiati. Non esiste più quell'esempio di virtù, romanticismo e poesia sostituiti dalla facilità di sentimenti, dall'immediatezza del momento. L'amore un tempo aveva il sapore dell'eternità. Ho paura dei tempi in cui viviamo, perché ci strappano la bellezza di sentimenti antichi e potenti, come l'amore.

4)  Come ti sei avvicinato alla scrittura?
Avevo sei anni e cercavo di scrivere una poesia per mia madre. Una poesia d'amore, quindi. Da quell'istante, la penna è stata la naturale estensione della mia anima.



5) Che tipo di lettore sei?
Sono una di quelle lettrici che ha cura e rispetto per i libri, li accarezzo, li guardo nei momenti bui, perché mi trasmettono una gioia in grado di fugare le ombre. Amo i libri, essi sono un'altra forma d'amore. Amore dello scrittore per la propria creatura e per chi la leggerà.

6)  Che messaggio vuoi dare ai lettori che leggeranno il tuo libro?
L'amore esiste. Cercatelo. 

7)  Hai un tuo rituale di scrittura?
Sì, certo. Mi isolo dal mondo, spengo le luci, accendo candele e incensi. Ecco la mia dimensione di scrittura.

8)Ci sono aneddoti in particolare che ci puoi raccontare riguardo al tuo libro (che riguardano la sua scrittura, la pubblicazione o altro)?
La stesura, così come la pubblicazione, sono venute per caso. Per questo, ringrazio sempre il Fato per i piccoli segni che dissemina sul nostro cammino.

9) Cosa ti ha lasciato questo libro oltre alla soddisfazione di vederlo pubblicato?
Mi ha lasciato tanto. Mi ha concesso di essere letta  e da qui la gioia di condividere il mio mondo d'inchiostro.

10)  Una citazione che ami particolarmente (possibilmente d'amore tua o di altri)?
Ti lascio una citazione tratta dal mio romanzo "Alice from Wonderland":
L’amore è folle.
L’amore cos’è se non un tuffo nel vuoto senza paracadute?
È un atto di fede, una confessione, così come una preghiera o un’opera d’arte.
L’amore è un’altalena che oscilla tra sogno e realtà.